-

-

Lettori fissi

Una perfetta correlazione è il primo principio su cui si fonda lo sviluppo.
L'integrazione o anche proprio la parola "organico" vuole dire che nulla ha valore se non in quanto naturalmente
collegato al tutto e in direzione di un qualche fine vitale.


Frank Lloyd Wright

"La cultura per i poveri non può essere una povera cultura".

Claudio Abbado


mercoledì 29 giugno 2016

Messaggio artistico



Sono sempre stata affascinata dalle immagini con le fate ed il loro mondo fantastico.
Alcuni di voi mi capiranno, altri invece si chiederanno perché.

Il fatto è che tutti nella vita speriamo in un cambiamento, spesso però non arriva mai ed allora creiamo con l'immaginazione un nostro ipotetico mondo. L'infanzia ovviamente ci aiuta. Perché certe situazioni fantastiche le abbiamo già create ed oggi magari si sono sviluppate, trasformate e migliorate.

Per esempio da un disegno come questo






ci ritroviamo a qualcosa di più fantasioso come questo.






Per cui può capitare che si continui invece nella semplicità di un sogno ad immaginare fantastici personaggi fatti di amori e dichiarazioni e a non voler essere troppo lontani da ciò che abbiamo sempre immaginato.

Quindi ecco come io ho interpretato le due cose scritte prima, cioè
Amore e Dichiarazione

Sono due miei disegnini completamente inventati ma è evidente che molte di noi donne e forse anche qualche maschietto vorrebbe che fosse così.




Foto privata


Foto privata



Mi dispiace di non aver reso due foto migliori, ma non sono bravissima in questo. 
Se riesco le sostituisco, promesso. 

Importante è il messaggio che desidero darvi ed è che se non esagerate con la fantasia e disegnate con semplicità e con il cuore, la poesia aumenta e non importa quanto talento mostriate o quanti errori. 
Disegnare è esprimere qualcosa che colpisca chi guarda. Ammetto che amo follemente l'immaginazione esagerata ma trovo sempre più verità nella semplicità, anche se è solo pura fantasia. 

Abbraccio grandioso a tutti e grazie. 



mercoledì 22 giugno 2016

L'amica


"Nel mio Mondo d'Arte vi è anche la scrittura. 
 Così ho deciso di cimentarmi in qualcosa di nuovo che spero  voi prendiate per ciò che è. Non sono brava in queste cose,  quindi vi ringrazio per la pazienza e mi scuso per gli  eventuali errori. Ciao a tutti!"



*********

Oggi ho sentito una mia amica.
Ci sentiamo spesso ma non possiamo incontrarci. 
Mi racconta di lei come io le racconto di me. È semplice, schietta e sincera, è coraggiosa e vorrei tanto conoscerla di persona...un giorno, forse, chissà...

Oggi però ho sentito nel suo racconto qualcosa di diverso.

Ha una splendida famiglia. 
Il marito è un grande uomo, almeno per quel che mi racconta. 
Dalle sue parti non è facile trovare un lavoro, gli uomini sono quasi sempre fuori a combattere una guerra che propone speranze di pace. Che contraddizione, non pensate?
Lei ci crede fermamente e quando può aiutare il marito nelle sue imprese di protezione e di aiuti per chi ne ha bisogno, non si tira mai indietro.

Mi dice sempre che lui la ama moltissimo, è sempre presente, nel limite del fattibile, per lei ed i suoi splendidi figli...una femmina ed un maschio. 
Dice che nel mondo si crede che tra la sua gente i mariti non rispettino le mogli, che vengano picchiate da loro e che non siano libere. È vero capita anche questo ma ciò accade in tutto il mondo, tra le genti di ogni popolo e religione. 
Lei invece si sente molto rispettata e soffre molto sentendo tante cattiverie e falsità sul suo popolo. 

Quando parliamo tra noi, ridiamo molto, ha un gran senso dell'umorismo e con lei è molto bello discorrere. A volte discutiamo per le nostre divergenze di opinione ma poi l'affetto che ci lega ci fa sorridere e continuare sempre di più nella nostra amicizia. 

Come dicevo oggi c'era un tono di disagio nella sua voce. 

Mi ha detto che il marito non lo sentiva da una settimana, lui si assenta spesso ed a lungo per lavoro o per difendere il suo popolo ma in qualche modo sapeva sempre che era vivo e che stava bene. Ma in questo ultimo periodo non aveva avuto sue notizie ed era molto preoccupata. 
Ho cercato di tranquillizzala ma...come si fa a dire di non preoccuparsi quando una guerra incombe nelle loro case? È terribilmente difficile!  

Vi ho raccontato ciò anche per un mio libero sfogo. 

Vorrei che tutto finisse e subito. 

Vorrei che un giorno io possa abbracciare la mia amica, conoscere il marito ed i suoi splendidi figli. Vorrei poter dire loro faccia a faccia quanto per me siano coraggiosi e quanto siano speciali. E vorrei che m'insegnassero di persona tutto ciò. 

Molti, ne sono certa, si trovano nelle mie stesse condizioni. Sospesi tra la serenità di una grande amicizia e la rabbia per il non poterla approfondire. Tra il volerli aiutare e l'indecisione di non poterlo fare perché la guerra è un grand'errore. 

Arriverà quel giorno di pace, ne sono certa...ma forse noi non ci saremo più.  



Pia 


*********


"Racconto assolutamente inventato. 
Non vi è alcun riferimento reale a cose e persone."

lunedì 20 giugno 2016

Il Tondo Doni.







Ecco amici.
Ultimamente sono sempre impegnata e non ho molto tempo da dedicare ai miei post. 
Così ho deciso di regalarvi almeno questa meravigliosa opera di 

Michelangelo

Il Tondo Doni

La Sacra Famiglia realizzata dall'artista per Agnolo Doni.





È a tempera grassa su tavola. 
Databile tra il 1503-1504 ed è conservata nella Galleria degli Uffizi a Firenze. 

Anche la cornice è un lavoro del Michelangelo.

L'opera è l'esempio del primo Manierismo.

Sembra, secondo il Vasari, che sia stato commissionato dal Doni in occasione del proprio matrimonio con Maddalena Strozzi. 

È un gran capolavoro, ammirato dalla sottoscritta con gran riverenza.
Assolutamente da visitare. 


Con questo vi saluto e vi abbraccio. 
Ciao e grazie. 


mercoledì 8 giugno 2016

La stampa serigrafica




Ho da tanto il desiderio di parlarvi di un mondo del quale non conosco molto. 
Provando ad organizzarmi tra i vari argomenti e le infinite spiegazioni cercate e lette, oggi sono molto più confusa di ieri...nel senso che forse è più semplice capire l'argomento mettendolo in pratica. 

È un settore nella quale mi sono cimentata tempo addietro per la realizzazione di alcune stampe artistiche, incidendo a mano piastre di metallo, 
poi con un apposito macchinario venivano impresse su carta.
Ne ho un ricordo lucido proprio perché, seppur breve come esperienza, mi piacque moltissimo. 
Naturalmente qui sto descrivendo una "semplice" stampa artistica.

Invece io vorrei porre l'attenzione su uno dei settori di Stampa, qual è la


Serigrafia 

I motivi vanno da un omaggio ad un' amica che credo capirà, al fatto che mai come quest'anno, l'attenzione posta maggiormente nel settore della moda sia proprio sulle stampe. 

Vi farò qualche esempio con queste immagini













IL termine "serigrafia" deriva dal latino "seri" (seta) e dal greco "γράφειν" (gràphein, scrivere). 
Questo perché i primi tessuti usati erano di seta.

Le prime testimonianze sull'uso di questa tecnica risale al Fenici, i veri inventori. 
In seguito fu elaborata anche dai giapponesi che, seppur non vi siano testimonianze certe, sembra abbiano utilizzato 2000 anni fa, capelli posti su un telaio e poi definitivamente il tessuto di seta con applicazioni di lacche sulla matrice.

Per noi deriva dallo stencil. 
La stampa serigrafica oggi avviene utilizzando un tessuto detto "serigrafico" steso su un riquadro di legno o metallo chiamato "telaio serigrafico o quadro serigrafico".

Il tessuto viene impermeato con l'inchiostro che lo attraversa posandosi sulla parte superiore del quadro serigrafico e poi sulla superficie di stampa posta più sotto grazie al passaggio di una barra chiamata "racla serigrafica" che con una leggera pressione stende l'inchiostro su ciò che vi è posto sotto.

Oggi però la tecnica è più veloce ed è ottenuta tramite luce ultravioletta. 



questo video vi farà comprendere meglio. 






La serigrafia rispetto ad altre tecnologie di stampa permette di controllare e scegliere lo spessore dell'inchiostro depositato. 
Questa caratteristica, unita alla possibilità di scegliere tra una gamma veramente molto grande di tipologie di inchiostri l'hanno resa la tecnologia di stampa più utilizzata nel settore della decorazione industriale. 
È importante al riguardo, fare notare che lo spessore dell'inchiostro è uno dei parametri fondamentali, unito naturalmente alla natura dei pigmenti e leganti selezionati per la sua composizione, che determinano la resistenza all'esterno e la resistenza alla luce e all'abrasione meccanica di una decorazione.

Nel campo tessile le fasi di lavorazioni sono suddivise in: 

Preparazione dei telai (prestampa)

Fotoincisione dei telai

Messa a registro dei telai

Processo di stampa


Di grande importanza è il tipo di inchiostro serigrafico e la sua caratteristica chiamata "Tissotropia o Tixotropia", 
la capacità cioè che ha un liquido di variare la sua viscosità sotto l'azione di forze meccaniche (o al variare della temperatura) e di tornare allo stato precedente al cessare dell'azione meccanica (e alla temperatura precedente)

I componenti base di un inchiostro serigrafico sono il legante, la carica, il pigmento, il solvente e gli additivi:
  • il legante è la resina ("colla") specifica per ogni tipo di supporto da serigrafare;
  • la carica conferisce all'inchiostro la consistenza e la coprenza;
  • il pigmento determina il colore finale;
  • il solvente influisce sulla consistenza, sulla plasticità, sulla velocità di essiccazione, sul grado di aderenza dell'inchiostro sul supporto;
  • gli additivi sono di diversi tipi: gli uni permettono all'inchiostro di allargarsi quel tanto che basta per coprire le porzioni schermate dai fili del telaio (bagnanti), altri accelerano la creazione di polimerizzazioni o reticolazioni, quei fenomeni cioè che permettono all'inchiostro di fissarsi al supporto serigrafato (catalizzatore). 

La stampa serigrafica può avvenire anche su porcellana, ceramica, vetro e specchio. 

Oggi viene largamente utilizzata per le segnaletiche stradali, le targhe ed altro ancora... 


Ma voglio concludere che amo molto anche la stampa serigrafica su carta. 
La trovo magica ed espressiva.
Questo perché anche qui vi è una lunga storia artistica che non descriverò. 

È sempre bello considerare i vari settori che l'arte comprende. 
E questo appena descritto ha rivoluzionato non poco l'operare che inizialmente era solo manuale. 

Con ciò concludo e vi rimando ad un prossimo post. 

Abbraccio di cuore a tutti!




Alcuni riferimenti sono presi da Wikipedia
le immagini sono di Google
il video su YouTube